cinema, Torino

Amarcord di sfighe e lunghissimi anni accademici passati ad oziare in modo vergognoso

Avevo scritto un post lagnoso sul corso di laurea che sto frequentando, sul dover fare ricerche su regine polacche del Cinquecento e sulla peste in Manzoni, sulla Livorno seicentesca e su altri argomenti davvero pertinenti ai Film Studies…

poi ho recuperato dal vecchio blog qualche spezzone relativo agli ultimi mesi passati all’Unitò ed ho deciso di riportarli qui, perché sono emblematici di quanto io sia lagnosa, di quanto tutte le università vertano in uno stato di confusione estrema e che un paio d’anni fa scrivevo molto meglio.

Enjoy.

Da “La luce alla fine del DAMS” (titoloni, eh!), 17 novembre 2009

“Tornata dal profondo nulla apatico (e sti cazzi, almeno l’esame di teatro è andato – signorina mi parli di Montigny – e che sono scema? Lo so bene che proprio i due luminari della ricerca teatrale che mi trovavo davanti hanno portato al mondo – grazie – le mirabolanti innovazioni di Montigny. Quindi 30. Tiè.) […] Mancano due esami alla laurea, mi son fatta cazziare dall’impiegata della segreteria (che forse si chiama proprio segretaria, ma dai?) per gli ingenti danni e l’eccessivo livello di confusione che regnava nel mio carico didattico: due esami di informatica entrambi sbagliati, un visual design che neanche fa parte del mio corso di laurea e forse anche editoria multimediale, non so, ho preferito rimuovere. Però mi ha aggiunto l’informatica che mi serve e nel suo gelido, rassegnato sguardo ho capito che lei sa benissimo che la mia iscrizione sotto condizione è farlocca. E pure di brutto, che di laurearmi a gennaio non se ne parla proprio. […] Che Montigny vegli sempre su di coi, e quando lo fa fate attenzione a non inciampare nei tavoli, che lui amava piazzarli sempre un po’ in mezzo alle balle.”

Da “Perché lascerò l’università ed andrò a lavorare al Crai“, 9 giugno 2009

“Non è colpa mia se non riesco a finire gli esami.
Ok, ora smettiamola tutti di ridere perchè per quanto mi riguarda lunedì 15 avrei sostenuto 2 esami, senonfosseché ho ordinato i libri che mi servivano quasi due mesi fa e ne è arrivato uno su sette.
E non li ho ordinati in un buco di culo di libreria qualsiasi, ma in una delle catene più diffuse a livello internazionale (alias il NegozioFigosoDelCentro dove lavoravo l’inverno scorso), salvo poi passare la mattina in giro per tutte le altre librerie e biblioteche del centro.
Risultato? Nulla, zero, nada de nada.
Quindi vorrei qui rivolgere un accorato appello alla docente che non solo non ritiene umanamente possibile che non si frequentino le sue lezioni per motivi di lavoro (un paio d’anni fa mi abbassò il voto ad un esame perchè non ero andata ad un’interessantissimaconferenza di un regista che detesto), ma che pubblica libri di analisi cinematografica talmente notevoli e fondamentali che nessuna cazzo di libreria li vende.
Cara docente, già il tuo stipendio si basa sulle mie tasse annuali, già trovo poco corretto e perfino un po’ ridicolo che entrambi i manuali del corso siano scritti di tuo pugno, vuoi almeno dare a noi comuni morteli assetati di sapere la possibilità di reperire sti maledetti libri?”

Da “Dilemmi”, 28 maggio 2009

“uno scoppiatone ha consegnato una relazione alla prof rispondendo alla domanda “what would you do if you were a soldier living the same situation” (erano delle domande su un racconto) e il geniaccio ha risposto “I would fuck the government, fuck the army, fuck everybody“. Ed era incredibilmente stupito di non aver ottenuto la sufficienza.”

Da “Di uomini impegnati, pattinatrici studiose e tentativi di uccidere il prossimo con una mezza d’acqua“, 26 maggio 2009

“Stamattina avrei dovuto finalmente sostenere l’esame (pallosissimo!) che sto preparando da un mese abbondante; scrivo avrei dovuto perchè – neanche a dirlo –la mia facoltà è organizzata con l’abilità di un australopiteco ritardato e i docenti hanno per noi la stessa considerazione che avrebbero per una mosca su una cacca. Come se non fossero le mie tasse a pagargli lo stipendio, maledetti mozzonacci.

Infatti scopro con grande gioia e poca sorpresa che gli esami saranno quattro (infatti l’aula è abbastanza piena) ma con estrema onestà (vabbè diciamolo, speravo di passare nel pomeriggio e andare al lavoro in ritardo) decido di non inserirmi nell’elenco di chi deveassolutamentepassareinmattinata.
Così mi svacco sulla sedia, cerco di non inondare i miei compagni di acqua gelata (data la temperatura degli ultimi giorni ieri sera ho messo nel congelatore una bottiglietta d’acqua, che ora si è deformata e minaccia di trasformarsi in un missile terra-terra) e mi appresto a sonnecchiare per il resto della mattinata; la prima persona a sostenere l’esame  tra i sorrisoni a 500 denti dei docenti è Carolina Kostner, che deve passare subito permotifi di laforo (forse doveva andare al CEPU a preparare un altro esame, che si sa la mia facoltà è difficile e senza un valido aiuto non ce la si fà… manco studiassimo medicina o ingegneria nucleare).
Dopo un paio d’ore il prof annuncia sornione che fino alla persona X interrogherà in giornata, i successivi passeranno giovedì prossimo. Che di solito in questi casi i docenti si mettono a disposizione per il giorno seguente, ma lui no.
Lui ha da fare.
Io invece non devo preparare altri tre esami per le prossime tre settimane, no no, anzi mi fa piacere passare la giornata di mercoledì prossimo a ripassare gli appunti per un esame inutile che con il mio corso di studi c’entra come i cavoli a merenda.
Ma lui ha da fare.
E comunque, se io fossi un docente e sapessi per certo che un mio studente va al CEPU, lo boccerei senza esitazione.”
Annunci
Standard

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...