Uncategorized

The Perks Of Being A Blogger (Tre anni di blog, e si sentono tutti)

E così, mentre adagiata sul divano della mia cameretta cristòno forte contro i link fallati dello streaming,

mentre bevo litri di thè verde arancia e zenzero perché la cellulite è una malattia e ogni malattia ha la sua cura (anche se sospetto essa non passi necessariamente da sorsate stile balena di Pinocchio di bevande importate dall’Oriente e distribuite dal Top Retailer of the Year),

mentre mi accingo a passare in rassegna gli “appena pubblicati” di WordPress,

un minuscolo promemoria giallognolo (arancione?) mi informa che queste sofferte pagine virtuali esistono (sopravvivono?) da ormai tre anni.

Tre anni, dico*.

Ne son cambiate di cose, ne son stati presi di treni e di lauree (va beh, una sola), ci sono stati i fallimenti brutti e gli scivoloni divertenti, traslochi si sono accumulati uno dopo l’altro, ho perso amicizie per strada senza troppo interessarmene (ma sapendo che è giusto e normale) e ne ho guadagnate e ritrovate altre, alcune proprio grazie a queste pagine; ho capito che peggio di Facebook (e ultimamente di Instagram) ci sono solo i blog, questi spazi falsamente anonimi e segreti in cui ogni parola è il suo contrario e ogni detrattore trova sistematicamente pane per i suoi denti.

Sono sempre più convinta che l’autoironia, la leggerezza di spirito, la sicurezza nelle proprie scelte e la capacità di farsi i cazzi propri siano le uniche armi vincenti, nella blogosfera e nella realtà fisica: nessuno legge i blog lamentosi e criticoni.

Per non parlare di quelli con le .gif di farfalline luccicose che accompagnano il cursore.

Quando ho aperto il blog avrei voluto fare la storica del cinema, l’anno dopo mi ero orientata verso la sceneggiatura,quello ancora successivo tentavo con la convinzione di Don Quixote di infilarmi di soppiatto nel mondo accademico, oggi non so cosa voglio essere ma so che sarà una figata.

Basta crederci, no?

E insomma direi che tre anni di blogging fanno di me una blogger, sebbene ultimamente le mie attenzioni siano maggiormente rivolte alla pagina Facebook che si fregia dello stesso titolo di questo luogo per motivi di tempo e forse di maggiore attitudine alle immagini che alla parola.

E allora proseguirò a farmi trasportare come un relitto dopo una tempesta tra argomenti disparati e non necessariamente brillanti/profondi/interessanti, tenterò forse un’auto terapia che mi induca a riamare i film senza sentire quell’ago di merda che si infilza nel petto ogni qualvolta entri in una sala cinematografica, e magari a scriverne di nuovo un po’.

Che lo sappiamo tutti che le serie tv sono un palliativo, sono il metadone alla mia eroina, sono la Eristoff alla mia vodka distillata con argento, sono il latte scremato al latte vaccino appena munto della mia infanzia: belle, anche piacevoli, però…

E insomma concludo questo ulteriore flusso di coscienza perfettamente sconclusionato con un grazie ai coraggiosi che ancora mi leggono, delle sentite scuse a chi vorrebbe scrivessi un po’ più di frequente e un

Over? Did you say… over? Nothing is over until we decide it is! Was it over when the Germans bombed Pearl Harbour? Hell no! And it ain’t over now!

preso in prestito dall’indimenticabile Bluto di Animal House, per ricordare al cinema che non è finita, e anche se sarò io a soccombere continuerò a combattere, dannato e stupendo amante fedifrago.

E così io e il mio macchiato ormai senza zucchero vi salutiamo con un inchino, ci ritiriamo per qualche giorno a riflettere sull’ineluttabile scorrere del tempo e torneremo ancora più superficiali, confusi e confusionari di prima.

 1974992_10152031162407475_1952762701_n

 *Come pochi, grazie al cielo, sanno, tenni per alcuni anni un blog anonimissimo su Splinder, sulle cui pagine riuscivo ad essere ancora più cazzona di quanto non lo sia qui. Peccato che Splinder se lo sia portato nelle profondità oscure della rete, visto che mentre tutti i blogger si affannavano a salvare i contenuti su Blogspot e su IoBloggo, con stoico fatalismo io guardavo il mio Ziggy Stardust perire, il mio Maxwell Demon assassinato sul palco, la mia Roma bruciare (you know what I mean).

Standard
cinema, Considerazioni sparse, voyages

Cartoline di un (inizio) estate

Sarà il lavoro che mi porta in giro quattro giorni a settimana (lasciandomi però liberi i miei amatissimi giorni feriali, ma lo saprete già visto che su Instagram me la tiro alla grande con l’hashtag #yourmondayismysunday), sarà che arriva l’estate e nonostante il conclamato pesaculismo preferisco deambulare per le strade sabaude piuttosto che dal divano al frigo, sta di fatto che ho mandato il blog in vacanza senza neanche programmarlo.

Una specie di last minute RyanAir per Tampere, che lo compri perché costa 30,99 Euro e poi ti ritrovi in un luogo che non sapresti localizzare su un planisfero e chissà perché.

Però anche da Tampere ritengo si possa fare una telefonata a casa ogni tanto, se la si può fare dagli studi Mediaset durante le registrazioni di Chi vuol essere milionario lo si potrà ben fare da lassù, e dunque questa è la mia telefonata a casa per raccontare cosa sto facendo – escludendo ovviamente i dettagli imbarazzanti, che riceveranno un trattamento speciale con post a loro dedicati in futuro – e rassicurare nonni, genitori, zii e conigli nani domestici a cui faccio da zia.

Il contenuto delle mie giornate non lavorative è riassumibile fotograficamente nel seguente modo:

10458721_10152175452372475_6235505559493072123_n 10428491_10152175452252475_6633851584031659148_n

Insomma mi vesto male as usual, ma pare che le fashion blogger abbiano portato in auge le Birkenstock abbinate alla qualunque quindi la mia soluzione di emergenza per riuscire a camminare nonostante un tragico incidente sul lavoro che ha visto coinvolti in mio mignolino destro e un pesantissimo oggetto non fa, pare, così cagare;

poi cerco disperatamente non Susan, ma capi d’abbigliamento e accessori per una festa a tema Navy che avrà luogo tra un paio di settimane, indosso collane imbarazzanti e del tutto inadeguate alle temperature correnti, tento di alleviare la cinghialite che si impossessa dei miei arti inferiori ai primi caldi e cerco ristoro (sempre durante i deambulamenti sabaudi) sedendo su panchine e leggendo un’edizione BUR del 1982 del Beautiful degli anni Cinquanta.

A proposito, piccola chicca per i lettori torinesi che, come me, sono un po’ incazzatelli per il prezzo dei libri: nei mercati di corso Brunelleschi e corso Svizzera ci sono banchi letteralmente coperti di libri di ogni sorta, dalle memorie del lattaio di Borgo Vittoria all’opera omnia di Tolstoj.

Invece per i pisani, se si attraversa il Ponte di Mezzo e si imbocca la prima travera di corso Italia sulla destra per poi svoltare nuovamente nella medesima direzione, ci si trova (quasi) davanti ad una libreria che applica sconti del 50% su quasi tutti gli articoli.

Ci sono persino dei testi presenti in alcuni programmi d’esame (almeno, per il mio corso di laurea ce n’erano a bizzeffe) ad un prezzo decisamente inferiore rispetto alla Feltrinelli che sorge imponente a poche centinaia di metri.

Ho però guardato un film davvero brillante e divertente, Padre Vostro, che è una boccata d’aria fresca in questi tempi di suore che vincono i talent show. Consigliato, non solo agli estimatori della cinematografia balcanica.

Standard