Considerazioni sparse

Preferisco il rumore del mare

Nella mia famiglia, vita e lavoro non sono mai stati entità gemelle.

Neanche sorelle, anzi neanche imparentate alla lontana.

Nel bene e nel male, sono cresciuta con lo stesso tipo di mentalità: aziendalismo sticazzi, chinare la testa anche no, giustificare ingiustizie neanche per sogno.

Non è sempre stato facile, e ancora oggi non lo è: il settore privato è spesso costruito su diversi livelli di schiacciamento costante del dipendente, della sua volontà, della sua voglia di far valere i propri diritti.

All’età di ventun’anni, lavoravo come cassiera – pardon, addetta al servizio clienti, in un negozio del centro. Si vendeva il superfluo, e a volte un po’ di cultura.

Sabati e domeniche al lavoro, un part time promosso a full time quasi senza avvertire, capi settore e dirigenti impegnati a recitare – assai male – la parte degli amici. Per fotterti meglio, bambina mia.

Dopo sei mesi di lavoro, osai chiedere un giorno di permesso.

Me lo negarono.

Andai dalla rappresentante sindacale, che mi rispose “lo sai come va qua dentro“.

Le mancavano pochi mesi alla pensione.

Preparai le dimissioni, con effetto immediato, e li mandai cordialmente affanculo.

Per me l’aziendalismo non esiste, è una bugia grande come il mondo. Essere aziendalisti significa sovrapporre vita e lavoro, e questo non può esistere. Non senza impazzire.

Chi spinge i dipendenti verso la cieca fedeltà al lavoro, gioca sporco.

Chi fa credere che i diritti siano concessioni è un disonesto.

Chi impone condizioni impensabili vuole male ai suoi collaboratori.

Ora rileggo il post un paio di volte, inspiro profondamente e vado a litigare con le Risorse Umane.

Perché come ho scritto poco più su, non è facile per un cazzo.

Annunci
Standard
cinema, Citazioni a casaccio, Considerazioni sparse, Monday Mood(s)

Una disperata supplica a Babbo Natale

Dieci giorni a Natale, fattezze esteriori a fisarmonica, una collezione in continuo aumento di diversi esemplari di shampoo secco sulla cassettiera, decorazioni natalizie acquistate previo spegnimento del cellulare nel mio unico giorno di riposo del cazzo.

Non è semplice respirare lo spirito natalizio, vivendo chiusa in un capannone industriale convertito a open space all’americana che ti fa rivalutare e agognare l’alienamento dell’uomo moderno in uffici-cubicolo due metri per due.

La letterina per Babbo Natale, doverosa alla soglia dei trent’anni, stavolta la faccio coincidere con i buoni propositi per l’anno nuovo in una miscellanea di disgrazie di varia natura.

Prima di tutto, caro Babbo Natale (permettermi di chiamarti ancora così, anche se a queste latitudini sei noto come Babbo Capodanno), mi piacerebbe da morire poter passare almeno una domenica al mese – 24 ore, non un minuto di meno né uno di più – senza ricevere nefasti messaggeri infernali, leggi: email e telefonate dal lavoro. Un solo giorno ogni trenta, non è poi così difficile, no? Come posso scambiarmi urgenti e profondissimi messaggi su WhatsApp con gli amici in Patria, se sono costretta a dare il cellulare in pasto al cagnolino per disfarmene?

Quindi ecco, regalo numero uno: una domenica veramente libera.

Procedendo: già che siamo in tema, non mi dispiacerebbe una settimana di ferie per poter rivedere i miei cari, ché so di aver sempre snobbato e disprezzato le convenzioni sociali relative alle feste comandate, ma da quando sono un’emigrata mi mancano persino le urla intorno al tavolo di legno massiccio della zia.

Ovviamente, compreso nel regalo vorrei un biglietto aereo a/r, possibilmente Alitalia così posso portare indietro la solita tonnellata di Parmigiano della Coop.

Terzo, babbino caro, vorrei essere un po’ più stronza. So che ci sono degli impudici millantatori che sostengono che io lo sia già a sufficienza, ma se così fosse tali malelingue dormirebbero coi pesci con Luca Brasi, invece di pascolare ancora su questa Terra.

Quindi dicevo un po’ di stronzaggine farebbe assai comodo; mi rendo conto che più che un regalo questo dovrebbe essere un buon proposito, quindi facciamo che metà del lavoro lo faccio io e l’altra metà me la regali, ok?

Già che ci siamo, Babbo NataleCapodanno, facciamo che un regalo lo devolgo alle dolci personcine di cui sopra: rendile felici, ma tanto felici, immensamente felici, tanto da renderle anche delle persone migliori. Dai loro soldi, successo, soddisfazioni, pensaci tu ma nel pacchetto inserisci anche un po’ di intelligenza.

Per concludere, ché io sono una persona modesta e in più ho una scadenza appena scaduta, non sarebbe male fare una magia e trasportare solo per un giorno il mercato di Piazza Benefica sotto casa mia.

Fatti prestare un po’ di polvere di fata da Trilly, fai pensieri felici, carica tutti i banchi sulla slitta, fai un po’ tu ma regalami una giornata di shopping come si deve. Non ti chiedo neanche i soldi per gli acquisti, quelli ce li metto io.

Se poi riuscissi a teletrasportare insieme anche i miei compagnucci di scorribande, ti offrirei anche il caffè.

Della macchinetta, a meno che tu non venga di domenica.

Standard
Uncategorized

#instaweek: la settimana in cui mi sentii un ingegnere navale

Credo di sapere come si sentì Thomas Andrews, il progettista del Titanic, quel fantomatico 15 Aprile di 102 primavere fa.

Davvero, lo sento vicino e vorrei tanto cingerlo in un abbraccio consolatore perché non importa quanto tu ti possa impegnare, a una certa arriverà un capitano Smith demmerda e ti farà passare alla storia come il peggior incapace dai tempi dell’arca biblica.

Ma noi non ci arrendiamo signore e signori, noi imperterriti proseguiremo fino ad inabissarci (o ad essere licenziati, come accadrà a me molto presto), perché niente è finito finché non lo decidiamo noi (cit).

Soprattutto se ci siamo prodigati nella creazione di una playlist figa che più figa non si può, e non esiste che i nostri compatrioti non ne godano al più presto.

Ma questo è un problema solo mio, il buonanima Thomas Andrews ha lasciato a Céline Dion l’onore di martellare i cosiddetti al prossimo con i suoi acuti e i suoi cuori che vanno avanti e avanti.

Ma io sento che come lui, finirò a fissare un muro mentre tutto accanto a me si disfa rovinosamente. Citando infatti Wikipedia,

L’ultima persona che lo vide fu il cameriere John Stewart nella sala fumatori di prima classe, alle 02:10 del 15 aprile. Andrews aveva lo sguardo perso, e osservava il quadro Il porto di Plymouth (Approach to the New World), situato sulla cappa del camino della sala fumatori di prima classe. Si trattava di un dipinto che fu poi spesso mostrato in televisione ed in vari film. Quindi Andrews rifiutò di salvarsi, come il capitano Smith ed il suo corpo non fu mai ritrovato.
È probabile che sia morto mentre la nave si spezzava in due, poiché il fumoir di prima classe era situato nel punto di rottura, tra il terzo e il quarto fumaiolo. Durante tutto il viaggio, Andrews prese note su vari miglioramenti, di cui sentì un forte bisogno e mentre la nave stava affondando, Andrews fece in tempo a consegnarle ad un suo assistente amico che si salvò dal disastro. Molte di queste migliorie vennero applicate al secondo gemello del Titanic, il HMHS Britannic.

Nell’ottica del crederci sempre, invece di andare al bar qua dietro ad ammazzarmi di raki per far sì che i miei dispiaceri facciano la fine del transatlantico del buon Andrews, resto qui aggrappata alla sedia con le unghie e le fauci a redigere, ché io son redattrice mica per niente, un’altra #instaweek.

Ambress’ ambress’ che alle 18 c’ho da andare ad accattarmi sciarpa e guanti per quando sarò una disoccupata senzatetto.

Instagram photo by annagiuliabi - Se mangiassimo più taralli col parmigiano, saremmo tutti molto più felici. #italian #food #italia #puglia #tengocuoreitaliano

Ricevetti da uno stuolo di parenti in visita l’equivalente in parmigiano del pil della provincia Ovest di Torino e una chilata abbondante di taralli pugliesi.

Altro che formaggio con le pere, altro che cacio sui maccheroni. Questa è la gioia.

Instagram photo by annagiuliabi - Stasera ve lo dovevo proprio far vedere quant'è bello #Napoleone. Per non parlare del mio outfit tuta + maglione dorato con le paillettes, una delizia per gli occhi. #dog #love #puppy #relax #home #ootd #evantatene

Habemus Napoleone, un cucciolo di un chilo e mezzo che sta riempiendo la casa di risate, gioia, amore e cacca. (E habemus anche outfit di merda, ma graziaddio in questa foto si nota appena).

Instagram photo by annagiuliabi - Bel vestito, bel cappotto, capelli demmerda #asusual. #ootd #flowers #messy #hair

Io e la sala di montaggio, una storia d’amore e di dolore durata appena tre giorni. Vorrei però far notare la deliziosa stampa dell’abito, il grazioso cappotto color topo e la chioma oscena che non reagisce neanche a dosi massicce di olio di cocco.

Instagram photo by annagiuliabi - Non c'è giornata di merda che non possa essere addolcita da una bomba calorica e da un po' di #sansimone. #drink #torino #italia #amaro #chocolate #cake #comfortfood #sweet

Fu appunto una settimana di passioni e di dolori, di bestemmie e di fatiche, e cosa meglio di una torta crema e cioccolato per sentirsi meglio? Per non parlare dell’accompagnamento a base di San Simone ghiacciato.

Instagram photo by annagiuliabi - Buon appetito! Pensatemi mentre vi sparate i brunch da California Bakery. #saturday #coke #cocacola #work #lunch

Soprattutto se il pranzo si riduce ad una dose sempre più massiccia di caffeina zuccherata e imbottigliata a pochi chilometri da qui.

Ma voi continuate pure a fare i brunch del fine settimana da California Bakery, che io non sono affatto invidiosa.

Standard
Uncategorized

Le vite degli altri

Non ho intenzione di scrivere del film del 2006 (ma se non l’avete visto, ve lo consiglio), ma non mi veniva un titolo allegorico ma ironico, pungente ma comprensibile. Scusate.

Ci sono giornate caratterizzate da una lunga sequenza di idee stupide e dannose, soprattutto se perpetrate in contemporanea tra loro.

Per esempio, un soggetto a caso potrebbe aver avuto la splendida idea di indossare oggi, a mo’ di prova su strada, un capo d’abbigliamento che aveva deciso di mettere domani per un’occasione particolare.

Tralasciando la genialità del gesto in sé, soprattutto se questo è addizionato alla conclamata imbranataggine (imbranatezza?) del soggetto, dovete ammettere che utilizzare della candeggina poco prima di uscire è una mossa notevole.

Sapevate che il blu elettrico candeggiato diventa fucsia? Io l’ho appena scoperto.

Ci sono invece altre occasioni in cui delle situazioni potenzialmente fastidiose o dannose presentano risvolti magari non positivi, ma illuminanti: in più di tre anni di Macchiato con Zucchero non mi è mai capitato di avere dei troll, nonostante la natura polemica di alcuni post; al contrario, sono bastati tre mesi di Da Torino a Tirana per guadagnarmi non uno, ben due cagacazzi troll.

Trattasi di due profili Facebook nuovi di zecca e privi di informazioni che guardano, spiano, indagano e che ogni tanto si fanno sgamare perché gli parte il like a qualche contenuto.

Uno dei due ieri l’ha fatta un po’ fuori dal vaso, lasciando un commento in cui chiedeva informazioni abbastanza personali e lasciandosi scappare un (sincerissimo, immagino) complimento su un aspetto della mia favolosissima vita di cui non ho mai scritto su nessuno dei due blog.

Prima che potessi rispondere, il commento è sparito e con lui il fantomatico commentatore: ora, naturalmente se si decide di aprire un blog, una pagina Facebook, un profilo Instagram o Twitter lo si fa consapevoli che i dati condivisi diventano di tutti, simpatizzanti e non (il termine hater mi infastidisce), però non bisogna essere delle cime per immaginare che un blogger tende a fare molta attenzione a cosa condivide, operando una cernita ragionata, e che di conseguenza tende a non rispondere a delle domande personali poste da una persona con delle intenzioni talmente amichevoli da non esporre neanche il proprio viso nella foto profilo.

Voglio dire, chi è questa persona e perché mai dovrei farle sapere i fatti miei? Se poi a questa persona scappa un’informazione che solo chi mi conosce personalmente può sapere, c’è da chiedersi perché mai senta il bisogno di nascondersi dietro un profilo creato per l’occasione e sommando le due cose, la parola TROLL svetta luminosa nei cieli di Gotham.

Inoltre, questi personaggi forse non sanno che nel magico mondo del web è possibile tracciare la posizione geografica dei visitatori, e che quindi ho un’idea molto accurata della provenienza di questi troll.

Non mi fa certo piacere trovarmi a dover fare ancora più attenzione del dovuto alle informazioni che decido di divulgare, ma è un processo che nasce un po’ automatico quando ci si mette davanti ad una pagina web di condivisione, quindi preferisco passare il tempo a distruggere inesorabilmente capi d’abbigliamento di un certo pregio.

Standard
30ThingsAboutMe, cinema, Considerazioni sparse, Monday Mood(s), teledipendenza, voyages

Viale (del tramonto) dei ricordi

Poco più di un anno fa, quando il mio futuro professionale mi sembrava vagamente chiaro e la divinità a me nota come fly down, bitch non era ancora sopraggiunta a ricordarmi che la presunzione non porta granché lontano, credevo così tanto nelle mie qualità di analista della fuffa da spingermi a scriverne in luoghi lontani da queste care pagine, ossia su Inchiostro Elettronico.

Rileggendo certe minchiate partorite dal mio poco equilibrato intelletto mi son detta che è bello crederci, essere certi di avere un’opinione autorevole, avere quella che la mia zia americana chiamerebbe self confidence (da leggersi con smaccato accento avellinese).

Molte cose sono cambiate, soprattutto la presunzione di cui sopra. Quando fly down, bitch ha finalmente lasciato queste sponde, la sua collega vivi e lascia vivere ha preso il suo posto e da allora mi accompagna fedele, aiutandomi con pacche sulla spalla e dosi di valeriana ogni qualvolta io ne abbia necessità.

Ultimamente accade sovente, ma per ora i nervi reggono e solo occasionalmente necessito dell’aiuto della divinità-jolly nota come ora mi levo questi orecchini a cerchio dorati e ti strappo le extension, per gli amici Diva del ghetto.

Ma ormai lo so, luglio è un mese in cui me ne capitano di ogni. Da sempre.

Anche The Decemberists sostengono che July never feels so strange, e sarà che metà del mio nome somiglia a quello di questo mese, ma per me i trentun giorni tra giugno e agosto hanno sempre avuto risvolti importanti, imprevedibili, orrendi, ridicoli. A scelta.

Il trucco non è stare immobili e lasciare che tutto, nel bene e nel male, passi.

Luglio necessita di passione, partecipazione, è come un uragano e per sopravvivergli l’unica soluzione è piazzarsi proprio al centro e godersi il viaggio.

Con la giusta compagnia e una buona dose di autoironia, i ricordi di mezza estate saranno quelli più vividi.

P.S. per chi volesse, qui, qui e qui ci sono gli articoli che scrissi per Inchiostro Elettronico. Sempre argomenti seri e di attualità, come vedrete.

Standard
Beauty, cinema, Considerazioni sparse, Libri, Monday Mood(s), musica, teledipendenza

Diventare grandi in pubblico

Il titolo di questo post è la traduzione del titolo di un episodio di Trainspotting, ed è anche quello di un album di Lou Reed del 1980.

trainspotting

Questo brano di questo libro e la tazza di Peter Pan. Abbiamo un problema?

Se c’è una cosa che davvero amo dei libri di Welsh, sono i titoli ispirati a brani più o meno famosi del passato, vedi il crudele ma geniale racconto C’è una luce che non si spegne mai (da There Is A Light That Never Goes Out, The Smiths, 1986), sempre in Trainspotting.

Ho mai menzionato il fatto di aver studiato quel video per un esame? Dio, se adoro i nuovi media.

Comunque, non è di questo che volevo scrivere. Ho ben altro di cui lamentarmi.

Noi nate nella seconda metà degli anni Ottanta abbiamo da gestire una patata bollente non da poco, conseguente ad un problema di origine cinematografico-televisiva.

Un problema non da poco, causato da alcuni personaggi di finzione che hanno come loro emblema quella stronzetta lamentosa di Joey Potter.

Joey Potter, per chi non la ricordasse o fosse troppo giovane per averne mai sentito parlare, era una dei protagonisti della fortunata serie televisiva Dawson’s Creek, una serie in cui un gruppo di adolescenti occupava le giornate remando su barchette di legno, disquisendo di argomenti universali e guardando film di Steven Spielberg.

Na rottura di palle infinita, ne converrete, ma per qualche congiunzione astrale il prodotto ebbe un successo incredibile.

E ci rovinò la vita sotto molti, moltissimi aspetti.

Tralascerò, per questa volta, i danni provocati alla percezione e alle aspettative nell’ambito dei rapporti tra i sessi, per concentrarmi ai disastri di stile, e alle difficoltà che una ragazza cresciuta con il modello di Joey Potter incontra quando, alla soglia dei trent’anni, necessita di smettere di indossare Converse All Star ogni santissimo giorno.

Per prima cosa, dobbiamo ammettere che Joey si vestiva demmerda.

I costumisti della serie si sono accaniti sulla povera Katie Holmes con una furia degna delle mitologiche Erinni, e l’hanno coperta con salopette di denim, bandane (bandane!), berrettini di lana a cuffia e altre oscenità che potrete facilmente scoprire su Google.

joey

Non che gli altri personaggi fossero agghindati in modo migliore, ma in linea di massima noi ragazzine ci identificavamo con la brunetta figlia-di-un-pusher, mentre sarebbe stato molto più sano utilizzare come modello la bionda Jen perché ammettiamolo, nessuno di noi sopporterebbe un’amica come Joey Potter.

dawsons-creek-cast-photo

Il cuore del problema è però un altro, ossia la mancata crescita stilistica del personaggio: nel corso di sei stagioni la fanciulla finisce il liceo, scappa in barca col migliore amico del suo “grande amore”, va al college dove inizia una relazione con un professore e in tutto ciò, continua a vestirsi demmerda.

Anche i capelli, persino quando un po’ schiariti, continuano a far cagare.

joeyhair

Si evince che ad avere come modello una Malvestita, non è che noi nate-nella-seconda-metà-degli-anni-Ottanta potessimo venir su delle icone di stile.

Chi è venuto immediatamente dopo di noi ha potuto apprendere i segreti dello stile da Marissa Cooper di The O.C., e così mentre noi ancora indossavamo le benedette Converse All Star, loro già utilizzavano le ballerine che guarda un po’, sotto i vestitini stanno giusto un po’ meglio.

marissa

Quelli ancora dopo hanno rischiato di diventare cocainomani con Serena Van Der Woodsen di Gossip Girl e delle megere psicopatiche con Blair Waldorf della stessa serie, ma entrambi i personaggi erano comunque meglio vestiti della nostra Joey.

serenablair

Così, mentre a diciassette anni mia cugina sa perfettamente cosa le sta bene e cosa no, come abbinare i capi e come acconciarsi i capelli in millemila modi diversi, io ancora vado in giro la domenica pomeriggio in questo modo

io

E sì, mi rendo conto di aver iniziato questa parabola discendente blaterando di letteratura e musica per poi finire nella “cultura” pop e nel trash, ma che posso fare, a incanalare le mie energie mentali in ambiti seri e costruttivi c’ho provato e ho miseramente fallito. Con queste conseguenze.

Standard
Citazioni a casaccio, Considerazioni sparse, Monday Mood(s), teledipendenza

E dice ‘o parularo, embè parlammo

pecché si raggiunammo chistu fatto ce ‘o spiegammo. 

O almeno ci proveremo.

Da quando quattordicenne presi ad andare a mangiare a casa dei miei nonni dopo la scuola, nelle ridenti case FIAT di Mirafiori Nord, venni iniziata all’oscuro e perverso mondo di Beautiful.

In particolare, ho sempre subìto il fascino della vecchia e ormai buonanima Stephanie Forrester, la matrona ficcanaso e maneggiona che tutto sa e tutto può: Stephanie ha sempre saputo cosa fosse meglio per i suoi figli, per suo marito, per i suoi nipoti e anche per il giardiniere e per una senzatetto incontrata nel corso di una scorribanda at the dark end of the street.

Stephanie ha distrutto matrimoni, regalato una pistola all’odiata Brooke consigliandole caldamente il suicidio, ha strappato l’azienda al marito fedifrago scatenando faide che neanche nell’opera omnia di William Shakespeare, e ultimo ma non meno importante, ha sempre indossato tailleur pantalone francamente improbabili per una gran dame dell’alta moda.

I suoi intrighi mi affascinavano, la sua millantata integrità morale le conferiva ai miei occhi un’aria di santità decorata da spille imbarazzanti.

Poi successe che quello stesso sporco che la Nostra era così brava a scovare nelle vite altrui, quei segretucci usati per sputtanare teatralmente il nemico di turno, le si rivoltarono contro quando si scoprì che l’amatissimo (si insinuò persino ai limiti dell’incesto) figlio maggiore non era figlio di Forrester Senior, il quale – cornuto e mazziato – aveva sposato la fanciulla proprio perché in dolce attesa.

Ecco, credo sia capitato un po’ a tutti di avere a che fare con delle Stephanie Forrester: persone ammantate da un’aura di moralità e correttezza estreme, incapaci di perdonare fantomatici torti che sovente neanche le coinvolgono, portatrici sane del sacro fuoco del Giudizio che poi, a ben guardare, qualche cosuccia in contrasto con i tanto sbandierati valori morali l’hanno combinata.

Lo so, lo so che giudicare gli altri fa sentire migliori.

Lo so che è tremendamente elettrizzante reinventarsi moderni Anubi e pesare i cuori altrui per verificare che siano più leggeri di una piuma (non letteralmente, si spera).

So anche che è facile perdere obiettività quando ci si sente – senza alcun motivo – tirati in causa, che condannare comportamenti precedentemente approvati (se non perpetrati) e pretendere di sapere può in alcuni casi riempire le giornate, permette di pontificare, di supporre, di passare un paio d’ore a farsi i cazzi altrui.

Ecco, Stephanie di tutto il mondo, virginali giustizie senza ali ma con tanta voglia di dimenticarsi il proprio sporco sotto i propri tappeti, ricordate che non site sul set di una soap con i fondali dipinti (i magici tramonti violacei su LA sono un must in Beautiful), non ci saranno pentimenti un attimo prima di morire e al contrario della Premiata Famiglia Forrester, non tutto passa in cavalleria.

Mi è capitato di essere io stessa una Stephanie, e da quell’esperienza ho tratto un insegnamento che mi sento di condividere generosamente e amorevolmente con tutte le Stephanie del mondo, con o senza tailleur pantalone:

fatevi i cazzi vostri.

Non perché le vostre Brooke potrebbero prima o poi rammentarvi qualcosa che non amate ricordare – le Brooke sono biondine della Valley, solitamente prive di neuroni o comunque incapaci di tirar fuori cattiverie troppo elaborate, ma perché fidatevi, si vive meglio. Molto meglio.

Ecco io mi rendo conto che a fare le Stephanie ci si sente così, ma pur col rischio di spezzare qualche cuoricino sensibile mi vedo costretta a scrivere che non è affatto così. Non piangiamo, su su.

Io Stephanie continuo ad amarla in tutta la sua sfacciata ipocrisia, ma la preferisco relegata alla sua villa con depandance e fondali farlocchi. Voi no?

E spero che chisto fatto ce lo siamo finalmente spiegati.

Dietro ogni grande Stephanie c’è, quasi sempre, una piccola Steffi.

Standard